Figli del Sacro Cuore

LOGO---Figli-del-Sacro-cuore-di-Ges-1

Scrivici

  • Richieste di preghiera
  • Guestbook

hands-clasped-in-prayer1

guestbook

Novene del mese

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
Prev Next

Novena S. Mattia apostolo

Novena S. Mattia apostolo

La novena a S. Mattia...

Novena alla Beata Vergine Maria di Fatim…

Novena alla Beata Vergine Maria di Fatima

   Questa preghiera è da recitarsi...

Novena alla Madonna di Pompei

Novena alla Madonna di Pompei

 - dal 29 aprile al...

Novena ai Santi Giacomo e Filippo aposto…

Novena ai Santi Giacomo e Filippo apostoli

Dal 24 aprile - 2 maggio

Novena delle rose in onore di santa Tere…

Novena delle rose in onore di santa Teresa di Gesù Bambino

Santissima Trinità, Padre, Figlio e...

Novena a Maria che scioglie i nodi

Novena a Maria che scioglie i nodi

  Come pregare la Novena: 1.Fare il...

Novene

Novene

a questo link troverete tutte...

Giubileo della Misericordia

Logo e papa giubileo2015

News Vita

Auguri Pasqua 2016

 

Buona Pasqua 2016

 

Quaresima 2016

Blog FdL

Cosa stai pensando?

Liturgia

vangelo.gif
Vangelo del Giorno 

Vangelo del Giorno AUDIO

Liturgia Audio 
Una parola per te! 

 

 

La Sacra Scrittura

In evidenza

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
Prev Next

Veglia Eucaristica del 1° sabato del mes…

Veglia Eucaristica del 1° sabato del mese

Giovedì 05 maggio 2016

Giovedì 05 maggio 2016

Auguri Buona Pasqua 2016

Auguri Buona Pasqua 2016

radiopadrematteoricci.it

radiopadrematteoricci.it

LA NOSTRA VITA: una Parabola raccontata …

LA NOSTRA VITA: una Parabola raccontata da Dio!

PERCHÉ NON DA TE?

PERCHÉ NON DA TE?

Appuntamenti

Mag
4

04 Maggio 2016 19:00 - 19:30

Mag
5

05 Maggio 2016

Mag
5

05 Maggio 2016 19:00 - 19:30

Mag
5

05 Maggio 2016 21:00 - 22:30

Mag
6

06 Maggio 2016 08:00 - 08:10

Oratorio Sacro sulla Misericordia

Omelie

IV Domenica del Tempo Ordinario Anno B

Domenica 28 Gennaio 2012

Gesù, nell'atto di insegnare nella sinagoga di Cafarnao, suscita l'immediato stupore di coloro che ascoltano perché, sottolinea Marco, «insegnava loro come uno che ha autorità».

 

L'autorità con la quale Gesù insegna viene anticipata dalla prima lettura, nella quale si parla di un profeta pari a Mosè, suscitato da Dio, al quale Dio metterà sulla bocca le sue stesse parole. La figura di questo profeta, pertanto, sarà pienamente autorevole, perché la sua parola coinciderà con la parola stessa del Signore. Ciò appare particolarmente sottolineato dal giudizio che Dio riserverà a coloro che non ascolteranno la parola del profeta, identico a quello riservato a chi rifiuta Dio stesso: «Se qualcuno non ascolterà le sue parole, io gliene domanderò conto».

All'interno della sinagoga Gesù si presenta come la realizzazione, il compimento di questa promessa. Egli appare come il profeta "perfetto", superiore ad ogni altro profeta umano. Questa perfezione si rende evidente nella caratteristica dell'autorità.

L'Evangelista Marco non descrive ciò che Gesù disse quel giorno, non riporta i contenuti della sua predicazione: annota solo la reazione degli ascoltatori, che appaiono stupiti.

È necessario considerare che questo stupore, che nasce da quanto ascoltato, sia motivato fondamentalmente dalla presa di coscienza che la promessa del Messia, il profeta "perfetto" tanto atteso, si stia finalmente compiendo.

In questo si rende evidente l'autorità: non solo in ciò che Gesù dice, ma anche nel modo in cui lo dice e, soprattutto, nella realizzazione della promessa di Dio.

Tale autorità, poi, trova un ulteriore grande segno nella capacità di Gesù di comandare agli spiriti immondi e ottenere la loro obbedienza. La reazione dello spirito immondo all'intervento di Gesù evidenzia che il suo insegnamento, pur descritto qui in un inizio solenne, non va considerato come un "gridato", e meno ancora aggressivo o solo taumaturgico, ma piuttosto come un insegnamento di vita da accogliere in atteggiamento di ricerca e di filiale ascolto.

Gesù impone il silenzio allo spirito immondo, sia per le esigenze del segreto messianico, sia perché il cammino della fede, che nasce sempre da un incontro e dalla corrispondenza umana da esso suscitato per la forza della grazia, esige il "tempo dell'ascolto e del silenzio".

Come recentemente ricordano dal Santo padre Benedetto XVI: «Silenzio e parola [...] devono equilibrarsi, succedersi e integrarsi per ottenere un autentico dialogo e una profonda vicinanza tra le persone. Quando parola e silenzio si escludono a vicenda, la comunicazione si deteriora, o perché provoca un certo stordimento, o perché, al contrario, crea un clima di freddezza; quando, invece, si integrano reciprocamente, la comunicazione acquista valore e significato».

Lo spirito grida che Gesù è il Santo di Dio e ciò non può essere compreso in modo superficiale o sbrigativo, ma va accolto come cuore della verità di Dio per il mondo, in un itinerario di fede che conduce nel mistero di Cristo, che culminerà nella Sua Pasqua.

L'invito che oggi la liturgia propone e di mettersi alla sequela di Gesù in questo atteggiamento di ricerca attenta e profonda, in ascolto della sua parola, la quale non ha eguali. Siamo invitati a lasciarci stupire dalla sua autorità e ad implorare ed operare una vera conversione di fede nella nostra vita.

Maria Santissima, Vergine dell'ascolto e del silenzio, educhi il nostro cuore, e ci conduca a saper meditare "tutte queste cose", come fedeli discepoli del suo Figlio.

Fonte: Congregazione per il Clero

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the task