Figli del Sacro Cuore

LOGO---Figli-del-Sacro-cuore-di-Ges-1

Scrivici

  • Richieste di preghiera
  • Guestbook

hands-clasped-in-prayer1

guestbook

Novene del mese

  • 1
  • 2
Prev Next

Novena a Maria che scioglie i nodi

Novena a Maria che scioglie i nodi

  Come pregare la Novena: 1.Fare il segno della Croce; 2.Recitare l’atto di contrizione. Chiedere perdono per i nostri peccati e, soprattutto, proporre di non commetterli mai più; 3.Recitare le prime tre decine del...

Novene

Novene

a questo link troverete tutte le novene che si trovano nel sito    

La nostra casa...

LOGO ROISC

di spiritualità

Auguri Pasqua 2019

 

Buona Pasqua 2017

 

Avvento 2018

News Vita

LA NOSTRA VITA:

una Parabola

raccontata da Dio!

 

 

Parola per la vita

Riflessioni

Blog FdL

Cosa stai pensando?

In evidenza

  • 1
  • 2
Prev Next

Diretta Preghiera

Diretta Preghiera

radiopadrematteoricci.it

radiopadrematteoricci.it

Appuntamenti

Mag
23

23 Maggio 2019 21:00 - 23:00

Mag
24

24 Maggio 2019 21:00 - 22:00

AVVISO IMPORTANTE

La Consacrazione al Cuore immacolato di Maria ci chiama ad una vita sempre più intensa e vera di testimonianza per i nostri fratelli. Per questo ogni consacrato, dopo essersi affidato a Maria, per diventare vero discepolo di Cristo e aumentare i frutti di questo grande dono ricevuto ha bisogno di tenere sempre accesa la fiamma della grazia con un serio cammino di fede.

 

Il consacrato è chiamato quindi a camminare nella fede insieme ad altri fratelli partecipando magari agli incontri settimanali e se non gli è possibile almeno scegliere uno di essi:

ogni mercoledì dalle 20.30 alle 22.00 con S. Rosario e Lectio Divina continua della Sacra Scrittura.
ogni giovedì dalle 21.00 alle 22.15 Adorazione Eucaristica, S. Rosario e Ascolto della Parola domenicale.
ogni venerdì dalle 21.00 alle 22.00 Adorazione Eucaristica.
il primo giovedì del mese ci sarà la Celebrazione Eucaristica.
il primo sabato del mese alle ore 21.00 il S Rosario, Celebrazione Eucaristica segue adorazione fino alle 24.00.

 

L’impegno settimanale ha bisogno anche di momenti di formazione e di incontro che saranno proposti durante l’anno, eventualmente nella seconda e quarta domenica del mese tradizionalmente usate fino ad oggi per la Messa e per l’Adorazione: queste, come sopra indicato, vengono pertanto proposte il primo giovedì (Celebrazione Eucaristica con rinnovo della Consacrazione) e gli altri giovedì e venerdì per l’adorazione.

 

Sostegno Pro-Terremoto

Chi volesse aiutare la nostra chiesa locale in questo momento di crisi dovuta al Terremoto può effettuare un versamento a:


Confraternita Sacre Stimmate di San Francesco

CAUSALE: OFFERTA PRO TERREMOTO
IBAN

IT88I0605513401000000018257

 

Potete segnalare il vostro nominativo con il vostro indirizzo email per permetterci di ringraziare per il vostro sostegno.

Il SANTO di oggi 09.04

Beato Tommaso da Tolentino Missionario francescano 9 aprile

Tolentino, Macerata, ca. 1250/60 - Thana, India, 9 aprile 1321

Il beato Tommaso, conterraneo del più celebre san Nicola, nacque nel 1250. Entrato giovanissimo tra i Francescani, fu sostenitore della più rigorosa povertà, finendo per questo in carcere. Liberato, andò missionario in Armenia con Angelo Clareno e altri compagni. Fu propugnatore delle missioni in Oriente. Cercò di recarsi in Cina, accogliendo l'appello di Giovanni di Montecorvino. Fu però martirizzato sull'isola di Salsetta, in India, nel 1321. Odorico di Pordenone portò il corpo in Cina. La testa si trova nel duomo di Tolentino. (Avvenire)

Martirologio Romano: A Tana in India orientale, beato Tommaso da Tolentino, sacerdote dell'Ordine dei Minori e martire, che, spintosi fin verso l'impero cinese per annunciare il Vangelo, mentre era in viaggio attraverso le terre dei Tartari e degli Indi, coronò con un glorioso martirio la propria missione.

Tommaso nacque a Tolentino intorno al 1250. Entrato giovanissimo nell'Ordine Francescano, fu tra i più accesi sostenitori dell'ideale di povertà in conformità della Regola e per questo motivo fu imprigionato due volte. 
Liberato dal carcere per intervento del generale dell'Ordine Raimondo Godefroy, fu insieme ad Angelo Clareno, Marco da Montelupone, Pietro da Macerata ed Angelo da Tolentino nella missione di Armenia. 
Il re di Armenia, Heitung II, lo incaricò di varie ambascerie in Europa presso il Papa e il re di Francia. Tornando nuovamente a Roma in cerca di missionari, ripartì nel 1302 per l'Oriente con dodici compagni. Nel 1307 partecipò al concilio di Sis che sanzionò l'unione della Chiesa armena con la romana. 
Nel pieno della sua attività apostolica gli giunsero alcune lettere di Fra Giovanni da Montecorvino, il quale sollecitava l'invio di aiuti dalla Cina. Nel 1308 San Tommaso fu a Poitiers dove prospettò al Papa Clemente V le necessità delle missioni in Oriente. In seguito al suo intervento il Papa istituì la prima gerarchia ecclesiastica in Cina. 
Negli anni successivi il campo dell'attività missionaria di San Tommaso dalla Persia fu esteso presumibilmente in India e in Cina. 
Verso la fine del 1320 s'imbarcò in Ormuz con i francescani Giacomo da Padova, Pietro da Siena, Demetrio da Tifliz e con il domenicano Giordano da Severac, diretto in Cina. 
Sbarcati contro la loro volontà nell'isola di Salsetta, i cinque missionari furono accolti da una famiglia di nestoriani a Tana. Preso insieme ai suoi confratelli, difese dinanzi ai Musulmani la divinità di Gesù Cristo e con il nome della Madonna sulle labbra venne crudelmente martirizzato il 9 aprile del 1321. 
Qualche anno dopo, Odorico da Pordenone trasportò il corpo del Beato a Zaiton in Cina. 
Il capo, alla fine del secolo XIV, fu portato da un mercante pisano a Tolentino, dove con l'approvazione di Papa Bonifacio IX, venne innalzata una cappella in onore del Martire. Le venerate reliquie, custodite in un busto d'argento, sono conservate attualmente nella Basilica Cattedrale. 
Sua Santità Leone XIII, nel 1894, ne confermò il culto.

Autore: Elisabetta Nardi




Lo conosciamo già adulto, e francescano dei più battaglieri, mentre si ignorano l’anno di nascita e la condizione della sua famiglia. È diventato frate assai giovane, e altrettanto presto contestatore. L’Ordine francescano è diviso su un problema capitale: per una parte di essi la povertà significa rinuncia a qualsiasi tipo di beni personali, usando solo quelli della comunità; ma altri la intendono più radicalmente, come privazione di tutti i beni. Il contrasto è vivace particolarmente fra i francescani di Provenza, di Toscana, e tra quelli della Marca di Ancona, «anticamente adornata – a modo che il cielo di stelle – di santi ed esemplari frati», come si legge nei Fioretti. Qui il movimento degli “spirituali” si ispira in particolare a frate Angelo da Cingoli (detto poi Clareno) e il leader locale è appunto Tommaso da Tolentino.
Il conflitto, dapprima interno all’Ordine, rischia di investire la Chiesa; e allora per gli uomini di punta del movimento arrivano i processi e la detenzione. Anche a frate Tommaso tocca questa sorte, due volte. Ma, ritornato in libertà, si aprono per lui e per molti altri “spirituali” i campi dell’attività missionaria. Tommaso, nel 1290, viene mandato in Armenia, e qui in breve tempo diventa consigliere del re Aitone II, che lo fa viaggiare come suo ambasciatore presso il Papa e i re di Francia e d’Inghilterra. Per anni Tommaso fa il missionario e il viaggiatore. Nel 1295 è a Roma, chiamato dal Ministro generale del suo Ordine, ancora per la questione degli “spirituali”: e nel ritornare in Oriente porta con sé un gruppo di missionari.
Intanto, dopo il conflitto tra papa Bonifacio VIII e il re Filippo il Bello di Francia, la Chiesa ha un pontefice francese che non può venire a Roma: è l’inizio del “papato avignonese”. Frate Tommaso deve spingersi in Francia, fino a Poitiers, per raggiungere papa Clemente V portando notizie “dall’altro mondo”: un figlio ancora di Francesco d’Assisi, frate Giovanni da Montecorvino, ha dato vita a una comunità cristiana in Khambalik, l’attuale Pechino, e sta traducendo in lingua tartara i Vangeli e i Salmi, ma ha bisogno urgente di rinforzi. Il Papa lo nomina allora primo arcivescovo della capitale cinese.
Alcuni anni dopo anche Tommaso parte per l’Estremo Oriente: sono con lui i francescani Giacomo da Padova e Pietro da Siena, il domenicano Giordano da Severac e l’interprete laico Demetrio da Tiflis. Si imbarcano a Ormuz, nel Golfo Persico, nel 1320, ma in Cina non arriveranno mai. Sono costretti a sbarcare in India, in quella che all’epoca è l’isola di Salsetta, in un piccolo arcipelago che ora è terraferma nell’area di Bombay; di qui passano poi a Thana, dove si concludono la missione e le loro vite.
La vicenda finale sarà raccontata alcuni anni dopo da un altro missionario, il beato Odorico da Pordenone, morto nel 1331, che nel suo viaggio verso la Cina si è fermato a Thana ascoltando i testimoni.Tommaso e i suoi compagni erano stati chiamati a deporre davanti a un giudice, su certi litigi in una famiglia; poi hanno cominciato a predicare la fedecristiana (a un uditorio di numerosi musulmani) con un tale vigore polemico che il capo locale li fece mettere a morte. Sepolti a Thana, i corpi sono stati riesumati da Odorico, trasportati in Cina e sepolti a Zaitun (regione del Fujian). Nella cattedrale di Tolentino si conservano reliquie ossee del corpo di Tommaso, riportato in Italia nello stesso XIV secolo da un mercante pisano. Nel1894, Leone XIII ha approvato il culto a Tommaso col titolo di beato.


Autore: Domenico Agasso

 

Fonte:
 
Famiglia Cristiana




Spunti bibliografici a cura di LibreriadelSanto.it

Altri suggerimenti...

 

fonte: www.santiebeati.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the task

Sostienici

Tutti i servizi che offriamo sono totalmente gratuiti e svolti con generosità dai nostri giovani. Se vuoi sostenerci e fare in modo che possiamo realizzarli sempre meglio ora puoi farlo con una piccola donazione. Grazie in anticipo.

 

Donazione Paypal

Cerca

Seguici su Facebook

 

Seguici su...

Rss
Facebook
Facebook
Googleplus
Twitter
Youtube
Youtube

Affidamento al Cuore

Immacolato di Maria

 

 

 

 

san filippo

 

Chiesa S. Filippo Neri

 

san filippo

Via Lauretana

vergine_lauretana

Spettacoli Musicali

nota_musicale.gif

Vuoi organizzare spettacoli musicali in parrocchia o nel tuo paese?
Contatta:
FRANCESCA: 347.8685855
eMail:

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter gionaliera!