Figli del Sacro Cuore

LOGO---Figli-del-Sacro-cuore-di-Ges-1

Scrivici

  • Richieste di preghiera
  • Guestbook

hands-clasped-in-prayer1

guestbook

Novene del mese

  • 1
  • 2
Prev Next

Novena a Maria che scioglie i nodi

Novena a Maria che scioglie i nodi

  Come pregare la Novena: 1.Fare il segno della Croce; 2.Recitare l’atto di contrizione. Chiedere perdono per i nostri peccati e, soprattutto, proporre di non commetterli mai più; 3.Recitare le prime tre decine del...

Novene

Novene

a questo link troverete tutte le novene che si trovano nel sito    

La nostra casa...

LOGO ROISC

di spiritualità

Avvento 2018

News Vita

LA NOSTRA VITA:

una Parabola

raccontata da Dio!

 

 

Parola per la vita

Riflessioni

Blog FdL

Cosa stai pensando?

In evidenza

  • 1
  • 2
Prev Next

Diretta Preghiera

Diretta Preghiera

radiopadrematteoricci.it

radiopadrematteoricci.it

Appuntamenti

Nov
15

15 Novembre 2019 21:00 - 22:00

Nov
21

21 Novembre 2019 21:00 - 22:00

AVVISO IMPORTANTE

La Consacrazione al Cuore immacolato di Maria ci chiama ad una vita sempre più intensa e vera di testimonianza per i nostri fratelli. Per questo ogni consacrato, dopo essersi affidato a Maria, per diventare vero discepolo di Cristo e aumentare i frutti di questo grande dono ricevuto ha bisogno di tenere sempre accesa la fiamma della grazia con un serio cammino di fede.

 

Il consacrato è chiamato quindi a camminare nella fede insieme ad altri fratelli partecipando magari agli incontri settimanali e se non gli è possibile almeno scegliere uno di essi:

ogni mercoledì dalle 20.30 alle 22.00 con S. Rosario e Lectio Divina continua della Sacra Scrittura.
ogni giovedì dalle 21.00 alle 22.15 Adorazione Eucaristica, S. Rosario e Ascolto della Parola domenicale.
ogni venerdì dalle 21.00 alle 22.00 Adorazione Eucaristica.
il primo giovedì del mese ci sarà la Celebrazione Eucaristica.
il primo sabato del mese alle ore 21.00 il S Rosario, Celebrazione Eucaristica segue adorazione fino alle 24.00.

 

L’impegno settimanale ha bisogno anche di momenti di formazione e di incontro che saranno proposti durante l’anno, eventualmente nella seconda e quarta domenica del mese tradizionalmente usate fino ad oggi per la Messa e per l’Adorazione: queste, come sopra indicato, vengono pertanto proposte il primo giovedì (Celebrazione Eucaristica con rinnovo della Consacrazione) e gli altri giovedì e venerdì per l’adorazione.

 

Sostegno Pro-Terremoto

Chi volesse aiutare la nostra chiesa locale in questo momento di crisi dovuta al Terremoto può effettuare un versamento a:


Confraternita Sacre Stimmate di San Francesco

CAUSALE: OFFERTA PRO TERREMOTO
IBAN

IT88I0605513401000000018257

 

Potete segnalare il vostro nominativo con il vostro indirizzo email per permetterci di ringraziare per il vostro sostegno.

Omelie

I Domenica di Quaresima Anno A

Quaresima 2012_I_domenica

 

La Quaresima ci guida ad un cammino eminentemente battesimale;

 

 

è il tempo in cui i catecumeni venivano accompagnati alla ricezione del sacramento, intensificando la penitenza, la preghiera e le opere di carità, per partecipare poi sacramentalmente alla passione, morte e risurrezione di Cristo, tramite il battesimo, durante la veglia pasquale.
In questo itinerario verso la luce della Pasqua, la Chiesa istruisce i suoi figli tramite la liturgia, e così ci introduce per gradi nel mistero di Cristo. Anche coloro che già hanno ricevuto il battesimo,possono «prepararsi con gioia, purificati nello spirito, alla celebrazione della Pasqua, perché, assidui nella preghiera e nella carità operosa, attingano ai misteri della redenzione la pienezza della vita nuova in Cristo tuo Figlio, nostro Salvatore» (Prefazio I della Quaresima).
Questo itinerario battesimale è soprattutto chiaro seguendo le letture del Ciclo A (che possono essere utilizzate ogni anno, a discrezione). Così le cinque Domeniche della Quaresima corrispondono alle cinque catechesi mistagogiche: Cristo, cuore della predicazione, è contemplato come vincitore della tentazione, alla quale ogni catecumeno sarà inevitabilmente esposto (Domenica I). La meta definitiva di tutta la preparazione quaresimale, e di tutta la vita cristiana, è la risurrezione, che è anticipata nel mistero della Trasfigurazione sul monte Tabor (Domenica II). Il battesimo, che trasforma la vita del credente, si riceve per mezzo dell'acqua (Domenica III) e costituisce l'illuminazione interiore per ogni uomo (Domenica IV) e consente di ricevere la vita vera e definitiva (Domenica IV). Tutti questi simboli – acqua, luce, vita – sono immagini di Cristo stesso e della Sua presenza sacramentale nella persona del battezzato.
Questa prima Domenica di Quaresima di propone la catechesi sulle tentazioni, dalle quali non sarà risparmiato né il catecumeno, che si prepara a ricevere il battesimo, né il neofita, nella sua ordinaria vita cristiana. Ma la visione cristiana non è per nulla pessimista. La tentazione non è una vittoria del nemico, ma piuttosto l'occasione della vittoria di Cristo sulle tenebre. La tentazione, alla quale il primo Adamo non riuscì a resistere (I Lettura), accompagna la condizione umana; però, se «per la caduta di uno solo si è riversata su tutti gli uomini la condanna, così anche per l'opera giusta di uno solo si riversa su tutti gli uomini la giustificazione, che dà vita» (II Lettura). Il battezzato in Cristo è in grado di resistere alla tentazione perché Cristo ha vinto, e ogni cristiano – incorporato a Cristo tramite il battesimo – partecipa anche della Sua vittoria, in modo che «quelli che ricevono l'abbondanza della grazia e del dono della giustizia regneranno nella vita per mezzo del solo Gesù Cristo» (II Lettura).
Tutte le tentazioni, oggi riassunte in quelle di possedere, di dominare e di fingere, potranno essere vinte dal cristiano, se resta fedele alla meditazione della Parola di Dio, all'obbedienza ai Suoi precetti, all'adorazione dell'unico Dio vivo e vero. In sostanza, è necessario allontanarsi da ogni forma di idolatria, dal voler essere come Dio, tentazione alla quale hanno ceduto i nostri progenitori.
Gesù è il modello che ci insegna a vincere ogni tentazione, e anzi a trasformare la tentazione in un'occasione per crescere nell'amore di Dio, per progredire in questo itinerario verso la Pasqua e, in generale, nel cammino verso la santità personale. «Esaudisci, Dio, la mia supplica; tendi l'orecchio alla mia preghiera. Chi parla? Sembra un individuo. Ma osserva bene se sia davvero uno. Dice: Dai confini della terra a te ho gridato, nell'angoscia del mio cuore. Non si tratta dunque di un solo individuo (sebbene in Cristo, di cui siamo le membra, noi tutti abbiamo unità)... la nostra vita in questo esilio non può essere senza prove, e il nostro progresso si compie attraverso la tentazione. Nessuno può riconoscersi finché non è tentato; allo stesso modo che nessuno potrà essere incoronato se non dopo la vittoria, vittoria che non ci sarebbe se non ci fossero la lotta contro un nemico e le tentazioni. È, pertanto, nell'angoscia quest'uomo che grida dai confini della terra; è nell'angoscia ma non è abbandonato. Poiché il Signore ha voluto darci in antecedenza un'idea della sorte che attende il suo corpo [mistico] che siamo noi, nelle vicende di quel suo corpo col quale egli morì, risorse ed ascese al cielo: in modo che le membra possano avere speranza di giungere là dove il capo le ha precedute. Egli ci ha insegnato a riconoscerci in lui, quando volle essere tentato da satana. Leggevamo ora nel Vangelo che il Signore Gesù Cristo fu tentato dal diavolo nel deserto. Cristo fu certamente tentato dal diavolo, ma in Cristo eri tentato tu. Tua infatti era la carne che Cristo aveva presa perché tu avessi da lui la salvezza. Egli aveva preso per sé la morte, che era tua, per donare a te la vita; da te egli aveva preso su di sé le umiliazioni perché tu avessi da lui la gloria. Così, egli prese da te e fece sua la tentazione, affinché per suo dono tu ne riportassi vittoria. Se in lui noi siamo tentati, in lui noi vinciamo il diavolo. Ti preoccupi perché Cristo sia stato tentato, e non consideri che egli ha vinto? In lui fosti tu ad essere tentato, in lui tu riporti vittoria. Riconoscilo! Egli avrebbe potuto tener lontano da sé il diavolo; ma, se non si fosse lasciato tentare, non ti avrebbe insegnato a vincere quando tu sei tentato» (S. Agostino, Esposizioni sui Salmi, 60, nn. 2-3).
Chiediamo, con l'orazione colletta della Messa odierna, che il vivere intensamente questa Quaresima permetta «a noi tuoi fedeli di crescere nella conoscenza del mistero di Cristo e di testimoniarlo con una degna condotta di vita».

 

Fonte: Congregazione per il Clero

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the task

Sostienici

Tutti i servizi che offriamo sono totalmente gratuiti e svolti con generosità dai nostri giovani. Se vuoi sostenerci e fare in modo che possiamo realizzarli sempre meglio ora puoi farlo con una piccola donazione. Grazie in anticipo.

 

Donazione Paypal

Seguici su Telegram

Risultati immagini per telegram

Vuoi ricevere quotidianamente il commento del Vangelo del giorno e rimanere aggiornato sulle nostre iniziative? Iscriviti al nostro canale Telegram cliccando sul seguente link: https://t.me/figlidellaluce

Cerca

Seguici su Facebook

 

Seguici su...

Rss
Facebook
Facebook
Googleplus
Twitter
Youtube
Youtube

Affidamento al Cuore

Immacolato di Maria

 

 

 

 

san filippo

 

Chiesa S. Filippo Neri

 

san filippo

Via Lauretana

vergine_lauretana

Spettacoli Musicali

nota_musicale.gif

Vuoi organizzare spettacoli musicali in parrocchia o nel tuo paese?
Contatta:
FRANCESCA: 347.8685855
eMail:

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter gionaliera!